Un finanziamento che supera i 7 milioni di euro per sostenere le iniziative di associazioni di promozione sociale finalizzate alla formazione e aggiornamento degli operatori, l’informatizzazione e creazione di banche dati in materia di associazionismo e le iniziative tese a fronteggiare emergenze sociali mediante l’applicazione di metodologie di intervento particolarmente avanzate. E’ quanto dispone per il 2016 il bando del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che prevede contributi fino all’80 per cento dei costi complessivamente sostenuti.

CHI PUO’ PARTECIPARE

Possono partecipare al bando, in forma singola o associata, esclusivamente le associazioni di promozione sociale che, al 10 novembre 2016, risultano già iscritte nel Registro nazionale o nei registri regionali.
Ciascuna associazione, singola o in partenariato, può presentare una sola proposta progettuale.
La realizzazione dei  progetti può prevedere anche forme di collaborazione con enti privati, aventi o meno natura associativa.

TIPOLOGIE DI INTERVENTI FINANZIABILI

1. iniziative riguardanti la formazione e l’aggiornamento dei membri delle associazioni proponenti o l’informatizzazione delle stesse associazioni e la produzione di banche dati, con particolare attenzione per quelle iniziative rivolte ai giovani di età non superiore ai 30 anni. Tali proposte devono prevedere una durata di massimo 12 mesi.
2. progetti che prevedono l’utilizzo di metodologie di intervento particolarmente avanzate, che favoriscano – a titolo di esempio – la piena inclusione sociale delle persone con disabilità e la loro partecipazione alla cittadinanza attiva, le pari opportunità, la piena integrazione della popolazione immigrata, lo sviluppo di interventi volti a prevenire fenomeni di impiego irregolare di manodopera nelle attività stagionali di raccolta di prodotti agricoli e a garantire adeguate condizioni di lavoro o favoriscano il recupero sociale di detenuti ed ex detenuti.

Tali proposte devono avere una durata di massimo 18 mesi.

Il costo complessivo di ciascuna iniziativa non potrà essere inferiore a 50 mila euro né superiore ai 150mila euro per le iniziative di formazione e aggiornamento, ai 200mila euro per i progetti sperimentali di durata fino a 12 mesi e di 300mila euro per i progetti sperimentali di durata superiore a 12 mesi e fino a 18 mesi.

SCADENZA

Le richieste di contributo devono essere presentate al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali attraverso la piattaforma informatica all’indirizzowww.direttiva383.it entro le ore 12 del 5 dicembre 2016.

SCARICA IL BANDO