A chi si rivolge: Team Informale & MPMI
Scadenza: Sportello (entro 31-12-2020)
Finanziamento Richiedibile: Fino a € 90.000
Territorio: Bari

D_Bari Start Up Imprese: Bando per la creazione di nuove imprese

Il Bando D_Bari Startup è la misura – emanata dal Comune di Bari mediante i fondi POC Città Metropolitane 2014-2020 – nata per sostenere la creazione di nuove realtà micro-imprenditoriali nel settore del commercio, dell’artigianato e dei servizi, presso le aree target dei programmi di rigenerazione urbana del Comune di Bari.

Iniziamo subito a vedere cos’è, a chi si rivolge e come partecipare a questo nuovo bando per start up in puglia e giovani imprese baresi.

Incentivi a Fondo Perduto per rilanciare il commercio

Attraverso un supporto tecnico-economico dedicato e l’erogazione di incentivi a fondo perduto, infatti, il Comune di Bari intende rivitalizzare e rilanciare il commercio e le economie urbane della città, incrementando le chances occupazionali in zone svantaggiate della città.

Sei alla ricerca di esperti che possano aiutare a far crescere la tua idea con una consulenza per startup? Scopri i nostri servizi dedicati!

PARLACI DELLA TUA IDEA

A chi si rivolge D_Bari Start Up?

I soggetti ammessi a presentare domanda di candidatura a D-Bari Start Up al presente avviso sono:

  • le micro e piccole imprese già iscritte, alla data di pubblicazione del presente bando, al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA);
  • soggetti – singoli o in gruppo informale – che si impegnano a costituire una micro/piccola impresa e ad iscriverla al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA) entro 45 gg dalla comunicazione di ammissione al contributo (nuove imprese).

Ci teniamo a segnalarti inoltre, che in virtù delle modifiche apportate nel 2022, anche il bando Resto al Sud di Invitalia, potrebbe essere una misura di tuo interesse, Dagli un’occhiata!

Tipologia di attività economiche ammissibili al Bando

Possono essere ammesse a finanziamento D_Bari Start Up Imprese esclusivamente le seguenti attività economiche e produttive, purché aventi sede fissa e svolte in locali di cui almeno uno al pianterreno, aperti al pubblico e con accesso ed affaccio diretto alla strada:

  1. Commercio al dettaglio di vicinato;
  2. Artigianato;
  3. Somministrazione di alimenti e bevande;
  4. Strutture turistico-ricettive;
  5. Servizi al cittadino e alle imprese in genere e attività di agenzia di affari

Attività escluse dal bando D Bari Start Up

Sono escluse le attività esercitate su area pubblica o all’interno di centri commerciali, aree commerciali integrate e parchi commerciali o, comunque, ad essi collegate.

Inoltre, sono escluse le seguenti attività:

  • compravendita di oro, argento e altri metalli e oggetti preziosi usati;
  • commercio di armi, munizioni e articoli militari;
  • centri scommesse e sale giochi;
  • esercizi e/o attività aventi carattere temporaneo o stagionale;
  • vending machines.

Localizzazione dei progetti di impresa

I progetti di impresa per partecipare a D-Bari Startup devono essere localizzati all’interno delle aree urbane sulle quali l’Amministrazione sta maggiormente operando in termini di rigenerazione e ad elevata criticità socio-economica, disponibili in allegato 6 al Bando (Deliberazione Aree Bersaglio).

Qualsiasi proposta localizzata al di fuori delle aree indicate sarà considerata non ammissibile.

aree comune di bari per bando d_bari start up

D_Bari Start Up: Dotazione finanziaria e sostegno previsto

La dotazione finanziaria totale del bando D_Bari Start Up è di € 2.400,000,00: il bando è a sportello, cioè disponibile fino ad esaurimento fondi.

Il sostegno previsto dall’avviso consiste in:

  1. Tutoraggio, accompagnamento e sessioni formative in favore delle imprese ammesse a contributo lungo l’arco dell’intero ciclo del progetto di investimento (pianificazione, budgeting, cantiere, avvio, rendicontazione);
  2. Contributo finanziario a fondo perduto (conto investimenti) sino ad un massimo del 50% sul totale delle spese di investimento ammissibili e comunque non superiore a € 40.000,00;
  3. Contributo finanziario del 100% sulle spese di gestione ammissibili, da sostenere nei primi 12 mesi (conto esercizio) sino ad un massimo di € 10.000,00.

Ove l’impresa realizzi investimenti per un valore inferiore al limite ammesso alle agevolazioni, l’agevolazione sarà rideterminata proporzionalmente. Di contro, ove l’impresa realizzi un investimento superiore a € 80.000,00 o sostenga spese in conto esercizio che superino la quota di € 10.000,00 i contributi erogati non potranno andare oltre i valori su riportati.

Make it happen
Fai decollare la tua idea di business. Spazio S.P.IN segue da anni progetti per startup ed enti non profit, aiutandoli a crescere e svilupparsi. Prenota la tua consulenza gratuita telefonica ora. Prenota la tua consulenza gratuita

Come partecipare a D_Bari Start Up

Per partecipare al Bando D_Bari Start Up Imprese le proposte dovranno essere inviate a mezzo PEC al seguente indirizzo: politichedellavoro.comunebari@pec.rupar.puglia.it inserendo nell’oggetto la dicitura “D_BARI start up Imprese: Candidatura e proposta progettuale”.

Per i soggetti costituiti in gruppi informali, le stesse potranno essere inserite in un plico recante all’esterno la dicitura “Avviso pubblico D_BARI START UP IMPRESE: Candidatura e proposta progettuale” e presentate a mano, oppure a mezzo raccomandata A.R. o analoghi del Servizio Poste Italiane, presso la sede di Porta Futuro sita in Bari alla Via Crisanzio n. 183/H.

 

Consulta altri bandi e finanziamenti erogati dalla Regione Puglia nella sezione dedicata, e costantemente aggiornata, del nostro portale.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Link Utili e Approfondimenti

Bando D_Bari Start UP – Sito Comune di Bari

Allegato – Avviso Pubblico

Allegato 1 – Domanda di candidatura

Allegato 2 – Dichiarazione di possesso dei requisiti soggettivi

Allegato 3 – Dichiarazione regime de minimis

Allegato 4 – Proposta progettuale

Allegato 5 – Budget proposta finale

Allegato 6 – Deliberazione aree bersaglio