A chi si rivolge: Team Informali - Startup Innovative
Scadenza: A sportello
Finanziamento Richiedibile: 1,5 MLN €
Territorio: Italia

Smart&start: finanziamento a tasso agevolato promosso dal MISE a sostegno delle startup innovative

Un bando nato e pensato per startup innovative e imprese ad alto contenuto innovativo e tecnologico con un’importante parte di finanziamento a fondo perduto. Leggi qui cos’è e come partecipare con la tua idea!

Il bando Smart&Start Italia sostiene la nascita e la crescita delle startup innovative ad alto contenuto tecnologico per stimolare una  nuova cultura imprenditoriale legata all’economia digitale, per valorizzare i risultati della ricerca scientifica e tecnologica e per incoraggiare il rientro dei «cervelli» dall’estero.

Il bando, promosso da Invitalia a sostegno delle startup innovative, è tuttora aperto: Smart&Start Italia è una misura a sportello, le domande sono valutate in base all’ordine di arrivo e non ci sono graduatorie. La dotazione finanziaria è di circa 200 milioni di euro, le agevolazioni saranno concesse fino a esaurimento dei fondi.

PARLACI DELLA TUA IDEA

bando smart&start italia invitalia

A chi si rivolge il bando Smart & Start di Invitalia?

I soggetti interessati a questo finanziamento a tasso agevolato devono proporre piani con un significativo contenuto tecnologico e innovativo. Il campo di interesse dei piani proposti è quello dello sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale. I piani proposti devono mirare alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Smart&Start Italia finanzia infatti i seguenti soggetti:

  • le startup innovative costituite da non più di 60 mesi e iscritte alla sezione speciale del relativo registro delle startup e imprese innovative;
  • team di persone fisiche che vogliono costituire una startup innovativa in Italia, anche se residenti all’estero, o cittadini stranieri in possesso dello “startup Visa”;
  • imprese straniere che si impegnano a istituire almeno una sede sul territorio italiano.

Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti imprenditoriali aventi ad oggetto la produzione di beni e l’erogazione di servizi che presentano almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • significativo contenuto tecnologico e innovativo, cioè che prevedano l’adozione di soluzioni tecniche, organizzative e/o produttive nuove rispetto al mercato di riferimento dell’impresa proponente, anche in chiave di riduzione dell’impatto ambientale, oppure siano funzionali all’ampliamento del target di utenza del prodotto-servizio offerto, rispetto al bacino attualmente raggiunto dagli altri operatori attivi nel medesimo mercato di riferimento e/o nel medesimo settore, oppure prevedano lo sviluppo e la vendita di prodotti-servizi innovativi o migliorativi rispetto ai bisogni dei clienti e/o destinati ad intercettare nuovi bisogni e/o rivolti a innovative;
  • sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things;
  • valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata (spin off da ricerca).

 

Make it happen
Fai decollare la tua idea di business. Spazio S.P.IN segue da anni progetti per startup ed enti non profit, aiutandoli a crescere e svilupparsi. Prenota la tua consulenza gratuita telefonica ora. Prenota la tua consulenza gratuita

 

 

Gli obiettivi di Smart&Start

Smart & Start Italia è un bando emanato dal MISE nel 2014 – ancora attivo e modificato in alcune sue parti ad agosto 2019 –  finalizzato a promuovere l’imprenditorialità su tutto il territorio nazionale, sostenendo le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Quanto e cosa finanzia Smart&Start?

Il bando Smart&Start di Invitalia finanzia piani di impresa di importo totale compreso tra 100 mila e 1,5 milioni di euro. Sono finanziabili spese per l’acquisto di beni di investimento, servizi, costi di funzionamento aziendale e del personale.

A titolo esemplificativo, nell’ambito del piano d’impresa, possono essere finanziati:

  • impianti, macchinari e attrezzature nuove di fabbrica;
  • componenti hardware e software;
  • brevetti, marchi e licenze, certificazioni;
  • know-how e consulenze specialistiche;
  • costi del personale, servizi di incubazione e di accelerazione, investimenti in marketing e web marketing.

Rientrano, sempre a titolo esemplificativo, fra i costi di funzionamento aziendale:

  • materie prime;
  • servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa;
  • hosting e housing;
  • godimento beni di terzi.

Le spese del piano d’impresa devono essere sostenute entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento.

Tempi e modalità di erogazione

Le agevolazioni richieste e ammesse a finanziamento per Smart & Start sono concesse sulla base di procedura valutativa con procedimento a sportello. Le domande di agevolazione  possono essere presentate a partire dal giorno 20 gennaio 2020.

È previsto un finanziamento a tasso zero senza alcuna garanzia per l’80% delle spese ammissibili.

Il finanziamento arriva al 90% se la startup ha una compagine interamente costituita da giovani under 36 e/o donne, o se tra i soci è presente un esperto con titolo di dottore di ricerca (o equivalente) che rientra dall’estero.

Le startup con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia possono godere di un contributo a fondo perduto pari al 30% del mutuo e restituire così solo il 70% del finanziamento ricevuto.

Il contributo va restituito in 10 anni a partire dal 12° mese successivo all’ultima quota di finanziamento ricevuto.

Come partecipare al bando Smart&Start Italia?

La domanda al bando Smart and Start si presenta esclusivamente online attraverso la piattaforma web di Invitalia. È necessario:

  1. registrarsi sulla piattaforma dedicata;
  2. disporre di una firma digitale
  3. disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

La domanda, da compilare in ogni sua sezione, è composta da una parte anagrafica e da un business plan contenente i seguenti elementi:

  • competenze tecnico-manageriali;
  • elementi di innovazione del progetto;
  • sostenibilità economico-finanziaria e analisi di mercato;
    aspetti tecnici.

Inoltre, vanno allegati il profilo del team (CV) e un pitch.

Al termine della compilazione del piano d’impresa e dell’invio telematico della domanda con i relativi allegati, verrà assegnato un protocollo elettronico.

Non ci sono scadenze né graduatorie. Invitalia valuta le domande in base all’ordine di arrivo fino ad esaurimento dei fondi.

PARLACI DELLA TUA IDEA

bando smart and start invitalia

Procedura e criteri di valutazione

Smart & Start prevede una verifica formale e una valutazione di merito, compreso il colloquio con gli esperti di Invitalia.

Si conclude in 60 giorni, salvo eventuali richieste di integrazione dei documenti.

Inoltre, conoscere i criteri di valutazione, consente di scrivere un progetto più rispondente agli obiettivi del bando: per essere ammesse alle agevolazioni, le domande devono raggiungere almeno la soglia minima di punteggio in tutti gli ambiti di valutazione riportati di seguito:

  • adeguatezza delle competenze tecniche, organizzative e gestionali richieste dall’attività imprenditoriale;
  • carattere innovativo dell’idea alla base del piano di impresa;
  • sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa, anche tenuto conto delle prospettive del mercato di riferimento;
  • fattibilità tecnologica ed operativa del piano d’impresa.

 

Rimani aggiornato su tutte le misure di finanziamento per Startup e imprese innovative. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi immediatamente un riepilogo delle misure attive. Make it happen!

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Link e Approfondimenti

Bando Smart&Start – Sito ufficiale Invitalia

Bando Smart&Start – Sito ufficiale MISE

Circolare direttoriale 16 dicembre 2019, n.439196 – Smart&Start Italia. Nuova disciplina

Le novità del 2020 per Smart&Start Italia

StartUp Innovativa: Cos’è e Come Diventarlo